COMMUNICATIEDIENST

Per chi non l’ ha capito questo è un blog. Il mio blog. Un taccuino digitale senza pretesa alcuna dove, inserisco i miei pensieri, le mie emozioni e ogni altra cosa che ritengo valga il piacere di segnare e lasciare come traccia, orma. Niente di particolare. Non è un giornale e io non sono un giornalista.
Ci scrivo quando mi va e non fa a gara con indici di gradimento della rete o con altri blog su chi ha più (com’è che si dice? Ah si) followers. Non è neanche una sala da ballo di gran gala dove far sfoggio, tra ricchi premi e cotillon, di pseudocultura, di declamazioni mielose sul bon ton italiano o internazionale e nemmeno un luogo virtuale dove ognuno scarica la rabbia e le frustrazioni personali generate nella società reale. Lo lascio ad altri blog questo modo, poiché non è il mio e non mi interessa.
E’ semplicemente il mio blog, dove scrivo sinceramente quello che penso e che vedo. Senza pregiudizi. E quel che penso e vedo ovviamente, può piacere oppure no, può essere condiviso anziché no. E’ cosa normale.

Qui dentro si scrive di ogni cosa, ma non si troverà mai pubblicità, non serve. Questo taccuino personale non è per far soldi. Gli unici spots pubblicati sono il link dove poter acquistare online il mio libro pubblicato (del quale personalmente, malgrado la vendita di tante copie, per difetto di una casa editrice strampalata, non si è visto e credo non lo si vedrà mai, un centesimo) e, il cartelletto nero giù in basso a destra, indicante l’ avversione del blog alla pedofilia. Ma vale lo stesso per il nazismo, l’ estremismo religioso, ogni forma di razzismo e qualsiasi altra piaga umana e sociale.

Non è nemmeno un blog di rimando, dove le persone commentano solo se io commento nel loro. Frequento e commento in blog che trovo piacevoli e interessantissimi, dove nessuno dei gestori ha scritto mai una virgola qui dentro, tanto per noblesse oblige. E sta bene così, perché non c’ è da osservare qualche tacito “do ut des”.

Da qualche giorno purtroppo, è stata inserita la moderazione, perché secondo qualche persona se si scrive di politica, attualità, di arte, di storia, o altro argomento si deve necessariamente parteggiare per un partito politico, religione o una fazione e quindi insulti e minacce. Queste non verranno mai accettate.
Se piace bene, altrimenti il mondo digitale è pieno di tantissimi blog infarciti di spot dove chiunque, nascondendosi dietro un francobollo di circostanza e un nome fasullo, commenta scrivendo tutto ciò che gli passa per la vuota testa, insultando, istigando ogni forma di violenza e minacciando chi gli pare. Può rivolgersi a questi, dove saranno ben lieti di accoglierli.
Qui, no.
Buona e serena estate a tutti.

Annunci

2 pensieri su “COMMUNICATIEDIENST

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...